L’Esperto risponde: “È obbligatoria la voltura delle utenze quando si prende in affitto un immobile?”

esperto rispondeDomanda: Nel caso in cui si prenda in affitto un appartamento come ci si deve comportare in riferimento alle volture delle utenze (gas, luce, acqua)? È obbligatorio intestare a proprio nome i contratti delle utenze? In tal caso, gli oneri dovuti al deposito cauzionale a chi competono?

Risposta:

In caso di contatori già installati ed attivi non c’è alcun obbligo di legge che prescriva di richiedere la voltura delle utenze. La questione, quindi, deve trovare una propria regolamentazione nell’ambito dei rapporti che intercorrono con il proprietario dell’appartamento, dato che comunque la spesa per le utenze è a carico dell’inquilino.

Se il proprietario preferisce mantenere le utenze eventualmente intestate a sé stesso il problema è risolto. Se dovesse invece preferire che siano intestate al conduttore, ovviamente tutte le spese amministrative e l’eventuale pagamento del deposito cauzionale sono a suo carico.

About Massimo Montanari
Massimo Montanari, italiano, nato a Lussemburgo il 16 luglio 1961. Formatosi in Confcommercio col ruolo di Segretario delle Delegazioni di Sarsina e Mercato Saraceno, dal 2011 ha deciso di cambiare percorso lavorativo ed ha portato il suo bagaglio di esperienza nel Settore Sindacale dell'Associazione Cesenate. Attualmente si occupa di varie categorie Sindacali all'interno di Confcommercio e tra queste quella che ha avuto i maggiori risultati in termini di aumento di Associati è proprio la F.I.M.A.A. Cesena della quale è Segretario Provinciale. Buon Tennista, è anche grande appassionato di Basket ed è attivo nel mondo del Volontariato. “Malamente opera chi dimentica ciò che ha imparato". ”Tito Maccio Plauto"

6 Responses to L’Esperto risponde: “È obbligatoria la voltura delle utenze quando si prende in affitto un immobile?”

  1. Armando ha detto:

    buongiorno
    l’indicazione fornita vale anche per l’intestazione della tassa sui rifiuti ?
    tale imposta puo’ variare se cambia il numero di occupanti….

  2. Enrico ha detto:

    Il nuovo conduttore continua a non procedere alla voltura delle utenze, nonostante sia stabilito nel contratto. Posso staccarle? Grazie

    • Massimo Montanari ha detto:

      Egregio Sig. Enrico, se l’inquilino non fa voltura delle utenze che succede?
      Ogni tanto capita chi vuole fare il furbetto vivendo in una casa in affitto senza intestarsi luce e gas, cioè senza fare la voltura delle utenze. Questo perché, nel caso non pagasse una o più bollette, non risulterebbe lui la persona morosa di fronte al fornitore dell’energia. Il proprietario, a questo punto, che cosa può fare?

      La prima mossa può essere quella di scrivere nel contratto di locazione che l’inquilino è tenuto a fare la voltura delle utenze (mossa che Lei ha già fatto….). In questo modo, si avrà uno strumento per poter minacciare la rescissione del contratto per inadempienza oppure per chiedere il rimborso degli importi non pagati. In quest’ultimo caso, il proprietario può inviare una lettera raccomandata a/r all’inquilino. Se quest’ultimo dovesse riconoscere il debito, il padrone di casa avrebbe in mano il documento necessario per poter fare un decreto ingiuntivo come alternativa più veloce e più economica rispetto al giudizio ordinario.

      D’altra parte, se l’inquilino non fa la voltura delle utenze vuol dire che queste sono intestate al proprietario, il quale può decidere in qualsiasi momento di staccare luce e gas dal suo appartamento per evitare di far figurare come seconda casa (e pagare le relative tasse) un’immobile che, in realtà, è abitato da un’altra persona.
      Cordiali saluti.

  3. Enrico ha detto:

    Anzitutto grazie, gentilissimo e veloce.
    Ho seguito tutti i Suoi consigli, raccomandata compresa. Ora mi sorge un dubbio.
    Se quest’ultima non viene ritirata?
    Inoltre ho letto che staccandogli le forniture, equivarrebbe a farsi “giustizia” da soli, e si rischia di incorrere in un reato penale… Ma forse quelli sono casi in cui già esiste lo sfratto per morosità.

    • Massimo Montanari ha detto:

      Non ritirare una raccomandata pur avendo ricevuto l’avviso di giacenza nella cassetta della posta è un diritto di ogni cittadino, ma non è una scelta sensata. Infatti gli effetti di una raccomandata non ritirata, per la quale però sia stato ricevuto l’avviso di giacenza, si producono allo stesso modo che se fosse stata ritirata.
      Per il distacco, l’intestatario delle Utenze è Lei ed è una Sua decisione il distacco delle stesse.
      Saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: