Monthly Archives: dicembre 2017

Condominio: l’autospurgo si paga in misura proporzionale ai millesimi.

La Corte di cassazione, con la sentenza numero 29748/2017 , ha implicitamente confermato che le spese per l’autospurgo in  condomino devono essere poste a carico del singolo condomino in misura proporzionale al valore della sua proprietà.

I giudici hanno infatti dichiarato inammissibile il ricorso promosso da alcuni condomini avverso la sentenza con la quale la Corte d’appello, in riforma di quanto affermato dal giudice di primo grado, aveva annullato la deliberazione condominiale relativa alla ripartizione delle spese per il servizio di autospurgo, posto che la stessa non era stata effettuata secondo il criterio di cui all’articolo 1123, comma 1, del codice civile.

Legittimazione.

Nel dichiarare l’inammissibilità, la Cassazione ha fatto chiarezza su un aspetto molto importante in materia di impugnazione delle delibere condominiali: la legittimazione ad agire e la legittimazione a resistere.

Bonus verde 2018: 36% per giardini, terrazzi e balconi

La misura, introdotta dalla legge di bilancio 2018 garantisce una detrazione IRPEF del 36% per la sistemazione a verde di terrazze e giardini.

Con l’approvazione definitiva della manovra di bilancio per il 2018, anche il c.d. “Bonus Verde” è ormai una novità ufficiale del capitolo casa.

Bonus verde 2018: di cosa si tratta?

La misura rappresenta un incentivo destinato ad agevolare gli interventi per la cura di giardini e terrazzilo scopo è quello di implementare il verde urbano, combattere lo smog, ridurre le polveri e il livello di inquinamento, nonché abbellire le città italiane.

Tesseramento Fimaa Anno 2018

CAMPAGNA TESSERAMENTO FIMAA 2018

FIMAA CONTINUA A CRESCERE..CRESCI CON FIMAA

 

 

Fimaa – Federazione Italiana Mediatori Agenti d’Affari socia Confcommercio Imprese per l’Italiauna Federazione a fianco di ogni associato che agisce secondo i valori che la guidano da sempre professionalità, correttezza e legalità.

 

Perché iscriversi a FIMAA

  • Perché la FIMAA è l’unica associazione di categoria che in questo momento di crisi continua a crescere ed aumentare la Sua rappresentatività con oltre 14.000 imprese e circa 40.000 addetti.
  • Perché fonda il Suo sviluppo su una radicata e importante territorialità provinciale.
  • Perché laFIMAA attraverso le sue attività di tutela, assistenza, consulenza sindacale si è fortemente consolidata e ha confermato il proprio ruolo di leader sindacale.

Auguri di Buone Feste.

 

La redazione e lo staff di Mediare Oggi augurano a tutti i lettori

un

      Sereno e Felice Natale. 

Sanzioni disciplinari a carico dell’agente immobiliare.

La legge prevede l’applicazione di sanzioni disciplinari a carico dell’agente immobiliare?

Se sì, quali sono tali sanzioni disciplinari?

Chi applica le sanzioni contro l’agente immobiliare?

Si può fare ricorso contro l’irrogazione delle sanzioni disciplinari?

Ricordiamo qui di seguito le principali norme disciplinanti la professione di mediatore, nell’ambito della quale è riconducibile l’attività dell’agente immobiliare:

  • legge n. 39/1989 e successive modificazioni ed integrazioni, riguardante per l’accesso all’attività di agente immobiliare;
  • decreto ministeriale 21 dicembre 1990, n. 452, contenente regolamento di attuazione della suddetta legge;
  • d.lgs n. 59/2010, che ha introdotto modifiche alle modalità di accesso alla professione di agente di affari in mediazione.

La proposta e l’accettazione del contratto.

Cosa sono la proposta e l’accettazione.

La proposta e l’accettazione sono delle dichiarazioni di volontà unilaterali recettizie che portano alla formazione del contratto, contribuendo alla realizzazione dell’accordo con il quale le parti costituiscono, modificano o estinguono dei rapporti giuridici patrimoniali.

Secondo alcuni interpreti si tratta di atti negoziali, secondo altri di atti prenegoziali.

Proposta e accettazione nella conclusione del contratto.

Ai sensi di quanto disposto dal primo comma dell’articolo 1326 del codice civile, il contratto deve ritenersi concluso quando la parte che ha fatto la proposta ha conoscenza dell’accettazione dell’altra.

Va tuttavia precisato che la proposta e l’accettazione sono sufficienti alla conclusione del contratto solo in caso di contratto consensuale. Per il contratto reale, invece, è necessaria anche la dazione del bene.

In ogni caso la proposta e l’accettazione si intendono conosciute quando giungono all’indirizzo del destinatario, a meno che questi non provi di essere stato nell’impossibilità di averne notizia senza sua colpa.

Interessi legali 2018: triplicati rispetto al 2017.

percentuale interessi su dadi

Dal 1° gennaio 2018 gli interessi legali triplicheranno: è questa la novità contenuta nel decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 13 dicembre 2017, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 15 dicembre e qui sotto allegato.

Infatti, il tasso per l’anno a venire è stato fissato allo 0,3% contro lo 0,1% del 2017.

Gli Interessi Legali.

Si ricorda che gli interessi legali sono quelli che vengono applicati tra le parti salvo diversa convenzione e che sono calcolati sulla base del tasso determinato non oltre il 15 dicembre di ogni anno per l’anno successivo. Se a tale data nulla è detto al riguardo, si continua ad applicare il saggio vigente anche per il proseguo.