Il boom delle abitazioni demolite a colpi di tasse.

Dal 2012 più 70% di villini e capannoni accatastati come ruderi per sfuggire al carico fiscale insostenibile.

E’ arrivata persino una guida del Sole24ore: Come disfarsi degli immobili che creano problemi e risultano invendibili. Negozi, appartamenti, case di campagna si possono cedere ad eventuali altri proprietari (ad esempio agli eredi) oppure si possono regalare allo Stato, è il suggerimento del quotidiano economico.

L’alternativa, ampiamente praticata, è ridurre il fabbricato a rudere e inquadrarlo nella categoria catastale F2. Che è diventata ambitissima perchè non si pagano le tasse.

A Belluno il proprietario di tre negozi alla fine li ha regalati al Comune. Perché il problema è sempre quello, dopo la stangata fiscale iniziata nel 2012, gli immobili sono diventati un investimento a rischio. Se va bene hanno rendimenti netti bassissimi. Se va male, cioè se sono sfitti e non sono commerciabili, si trasformano un incubo, un peso insostenibile. ( continua )

Fonte: IlGiornale

About Massimo Montanari
Massimo Montanari, italiano, nato a Lussemburgo il 16 luglio 1961. Formatosi in Confcommercio col ruolo di Segretario delle Delegazioni di Sarsina e Mercato Saraceno, dal 2011 ha deciso di cambiare percorso lavorativo ed ha portato il suo bagaglio di esperienza nel Settore Sindacale dell'Associazione Cesenate. Attualmente si occupa di varie categorie Sindacali all'interno di Confcommercio e tra queste quella che ha avuto i maggiori risultati in termini di aumento di Associati è proprio la F.I.M.A.A. Cesena della quale è Segretario Provinciale. Buon Tennista, è anche grande appassionato di Basket ed è attivo nel mondo del Volontariato. “Malamente opera chi dimentica ciò che ha imparato". ”Tito Maccio Plauto"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: