Locazioni commerciali con canoni crescenti.

I canoni “a scaletta” – vale a dire i canoni di locazione che crescono nel tempo durante il contratto di affitto – sono legittimi nelle locazioni di immobili adibiti a uso diverso da quello di abitazione.

Ma gli aumenti devono essere predeterminati (e giustificati) nel contratto. Sono questi i principi affermati dalle recenti pronunce dei giudici sui canoni crescenti.

La disciplina In via generale, il canone nelle locazioni di immobili a uso diverso dall’abitazione può essere liberamente contrattato: il locatore, nell’indicare la misura del corrispettivo, è vincolato solo al rispetto delle normali leggi di mercato e della concorrenza, che di fatto fissano i limiti dell’ammontare annuo dei canoni per immobili con caratteristiche simili a quelle dell’immobile da affittare e che si trovano nella stessa zona.

La legge (articolo 32 della legge 392/1978) prevede che il canone stabilito inizialmente possa essere poi «aggiornato», ma solo’ per neutralizzare l’incidenza della perdita del potere di acquisto della moneta.

Leggi l’articolo.

Fonte: IlSole24Ore

About Massimo Montanari
Massimo Montanari, italiano, nato a Lussemburgo il 16 luglio 1961. Formatosi in Confcommercio col ruolo di Segretario delle Delegazioni di Sarsina e Mercato Saraceno, dal 2011 ha deciso di cambiare percorso lavorativo ed ha portato il suo bagaglio di esperienza nel Settore Sindacale dell'Associazione Cesenate. Attualmente si occupa di varie categorie Sindacali all'interno di Confcommercio e tra queste quella che ha avuto i maggiori risultati in termini di aumento di Associati è proprio la F.I.M.A.A. Cesena della quale è Segretario Provinciale. Buon Tennista, è anche grande appassionato di Basket ed è attivo nel mondo del Volontariato. “Malamente opera chi dimentica ciò che ha imparato". ”Tito Maccio Plauto"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: