Monthly Archives: Gennaio 2019

Il pignoramento va trascritto nei registri immobiliari.

L’atto notificato è efficace dopo la trascrizione, solo allora il creditore può richiedere la vendita forzata.

La notifica dell’atto di pignoramento al debitore sancisce l’inizio della procedura esecutiva immobiliare, ma non è di per sé sufficiente a consentire la vendita dell’immobile sottoposto a ipoteca per ottenere il credito.

Il pignoramento, infatti, consta di due momenti processuali fondamentali: dopo la notifica è necessario procedere alla trascrizione dell’atto nei registri immobiliari. Alla trascrizione provvede l’ufficiale giudiziario. (continua )

Fonte: Corriere Adriatico

INDENNIZZO. Registro al 3% per l’affitto anticipato.

La somma corrisposta al locatore come indennizzo una tantum seguito a un nuovo accordo di locazione non è imponibile Iva e sconta l’imposta di registro del 3 per cento.

Questa, in sintesi, la risposta n. 16 delle Entrate a un interpello rivolto alla Direzione centrale grandi contribuenti. Si tratta di una situazione che vede coinvolti una società che aveva in corso un contratto di locazione di un immobile commerciale.

Fonte:IlSole24Ore

Il mercato è incerto ma le aspettative degli agenti immobiliari restano positive.

Dall’ultimo rapporto del mercato immobiliare della provincia di Ravenna elaborato e pubblicato a fine anno da Confcommercio/Fimaa emerge una battuta d’arresto sul piano del dinamismo delle compravendite, una stabilità dei prezzi per le case nuove o riqualificate ma d’altra parte una tendenza al deprezzamento per l’usato non ristrutturato.

Nonostante questo scenario mutevole e incerto, le aspettative per il mercato immobiliare restano positive soprattutto da parte di chi vi opera attivamente come la categoria degli agenti immobiliari. «C’è un evidente aumento delle richieste e quindi un maggior flusso di persone in agenzia – racconta Pierluigi Fabbri, presidente di Fimaa Ravenna – che non si traduce automaticamente in compravendite ma che lascia ben sperare per il futuro. In particolare, ci sono molte giovani coppie che, approfittando dei bassi tassi dei mutui, stanno decidendo di passare dall’affitto all’acquisto della prima casa…. (continua)

Nuovo appello per estromettere gli immobili strumentali.

 Una nuova chance per estromettere gli immobili strumentali dalla ditta individuale è contenuta nella legge di bilancio. La disciplina, mutuata dalla legge 208/2015, riconosce all’imprenditore la possibilità di escludere dal patrimonio dell’impresa individuale tutti gli immobili strumentali, per natura e per destinazione, posseduti alla data del 31 ottobre 2018, mediante l’applicazione di una imposta sostitutiva dell’8% sulle plusvalenze che emergono dall’operazione.

Sul piano soggettivo va ribadito che possono avvalersi dell’agevolazione esclusivamente gli imprenditori individuali, a prescindere dal regime contabile adottato. Ne restano esclusi, quindi, oltre agli imprenditori costituiti in qualsiasi forma societaria anche gli esercenti arti e professioni e gli enti non commerciali. ( continua )

Fonte:ItaliaOggi

Condominio: per la convocazione dell’assemblea non serve la pec.

La convocazione dell’assemblea condominiale può avvenire anche via e-mail e non via PEC se a chiedere la comunicazione informale è il condòmino.

Non serve la pec per la convocazione dell’assemblea condominiale se a chiedere di essere convocato informalmente via e-mail è lo stesso condòmino. Queste le conclusioni della sentenza n. 4/2019 della Corte d’Appello di Brescia (sotto allegata), a cui si era rivolto un condomino, lamentando tra l’altro, di non aver ricevuto la convocazione all’assemblea via PEC, unica forma di comunicazione equipollente alla raccomandata. (continua)

Forti piogge, rottura dell’impianto fognario pubblico e profili di responsabilità.

Le forti piogge non possono evitare il risarcimento dei danni da infiltrazioni dovuti alla rottura di una fogna.

L’ insistenza di forti piogge in occasione della rottura di una condotta fognaria non esclude, di per sé sola, la responsabilità del gestore dell’impianto idrico, specie se il Comune ha affidato allo stesso la manutenzione e la custodia dell’intera rete esercitando al contempo il potere/dovere di vigilanza sull’opera.

Fonte:CondominioWeb

Condominio: incentivi per le colonnine elettriche.

colonnina di ricarica auto elettrica in un parcheggio

La legge di bilancio 2019 prevede la detrazione fiscale del 50% per le spese sostenute a chi installa infrastrutture di ricarica elettriche.

Dal prossimo 1° marzo detrazione fiscale del 50% per le spese sostenute da chi installa infrastrutture di ricarica elettriche. L’incentivo è stato introdotto dall’articolo 1, comma 1039, della legge di bilancio 2019.

L’incentivo è costituito da una detrazione del 50% delle spese documentate sostenute dal 1° marzo 2019 al 31 dicembre 2021 che riguardano l’acquisto e la posa in opera di infrastrutture di ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica, sono compresi anche i costi iniziali per la richiesta di potenza addizionale fino ad un massimo di 7 kW. La detrazione sarà divisa in dieci quote annuali di uguale importo ed è calcolata su un ammontare complessivo non superiore a 3.000 euro. (continua)

Fonte:StudioCataldi