Tag Archives: prima casa

CASSAZIONE. Registrando il documento si evita la decadenza dal beneficio prima casa.

Si evita la decadenza dall’agevolazione “prima casa” quando si vende prima del decorso di cinque anni dalla data del rogito di acquisto, se entro un anno dalla vendita si registra una scrittura privata non autenticata recante l’acquisto di un’altra casa (che l’acquirente poi destina a propria abitazione principale).

In sostanza, per non perdere l’agevolazione non occorre stipulare un rogito notarile né occorre la trascrizione dell’atto di riacquisto nei Registri immobiliari.

Lo afferma la Cassazione nell’ordinanza n. 22488 del 16 ottobre 2020, esaminando il caso (senza precedenti in giurisprudenza) di un acquisto effettuato con una scrittura privata non autenticata in relazione alla quale l’acquirente ha poi domandato la verificazione giudiziale delle sottoscrizioni al fine di rendere il suo acquisto trascrivibile nei registri immobiliari .

Se il contribuente che acquista la “prima casa” aliena l’abitazione nel quinquennio posteriore al giorno del suo acquisto, la legge commina la decadenza dall’agevolazione (con l’effetto che viene recuperata l’imposta ordinaria, conia maggiorazione del 30% della differenza tra l’imposta ordinaria e quella agevolata), a meno che il contribuente medesimo proceda a un atto di “riacquisto infrannuale”: vale a dire, a meno che egli, in un periodo di tempo contenuto entro un anno dalla data dell’alienazione, non compri un’altra casa e la destini a propria “abitazione principale” (stabilendovi la propria residenza). (continua)

Fonte:IlSole24Ore

SECONDA CASA. Beneficio escluso sull’acquisto.

Il contribuente italiano residente all’estero che, in luogo dell’acquisto della prima casa, ha a suo dire erroneamente pagato l’imposta sostitutiva come seconda casa, non è legittimato alla presentazione dell’istanza di rimborso.

È la risposta ad interpello n. 462 dell’Agenzia delle entrate, in cui, secondo quest’ultima, «il soggetto legittimato alla richiesta di rimborso della maggiore imposta sostitutiva eventualmente versata è la banca erogatrice del mutuo».

E ciò perché, sulla base del contratto di mutuo risulta che la parte mutuataria ha dichiarato che il finanziamento è stato contratto per acquisto come seconda casa.

Detta dichiarazione ha quindi correttamente determinato il pagamento dell’imposta sostitutiva con l’aliquota al 2%. Tuttavia, qualora il contribuente ritenesse di essere nella condizione di poter fruire dell’agevolazione prima casa, potrà optare per un atto di mutuo sostitutivo e modificativo.

Fonte:ItaliaOggi

Prima casa, l’agevolazione è congelabile.

Se il contribuente compra una prima casa con la relativa agevolazione, avendo già la proprietà di altra abitazione acquistata in passato con la medesima agevolazione, c’è tempo un anno dopo il nuovo acquisto per vendere la casa comprata in precedenza: se però questo termine annuale cade tra il 23 febbraio e il 31 dicembre 2020, esso beneficia della «sospensione-Covid», di cui all’articolo 24 dl 23/2020.

Questo significa che il periodo maturato prima del giorno in cui si verifica la sospensione deve sommarsi al periodo che inizia il suo decorso dal i1 gennaio 2021. Lo ribadisce l’agenzia delle Entrate nella risposta a interpello n. 310 del 4 settembre 2020, riferita a un nuovo acquisto effettuato il 29 aprile 2019, il quale quindi, se non fosse intervenuta la normativa che ha disposto la sospensione, avrebbe costretto il contribuente in questione secondo l’agenzia a vendere l’abitazione acquistata in precedenza entro il 29 aprile 2020 (per la verità, la scadenza per la vendita «entro un anno» dell’immobile comprato in precedenza, avrebbe dovuto essere quella del 30 aprile 2020, dato che il termine annuale per la vendita dovrebbe iniziare a decorrere dal giorno successivo a quello in cui è avvenuto il nuovo acquisto). (continua)

Fonte:IlSole24Ore