Author Archives: Massimo Montanari

BOLLETTA DEL GAS IN AUMENTO DEL 13,5% A NOVEMBRE. TUTTI I DATI E QUALI GLI AIUTI SONO PREVISTI.

Dopo il calo del mese di ottobre, novembre registra un aumento sulla bolletta del gas del 13,5%.

I dati di Arera parlano chiaro. Per il mese di novembre il prezzo della materia prima gas per i clienti con contratti in condizioni di tutela, è stato fissato a 91,2 euro al Megawattora, pari alla media dei prezzi rilevati quotidianamente durante tutto il mese appena trascorso.

Vediamo insieme l’analisi dei prezzi mese su mese.

Aumento bolletta gas: quali sono i prezzi di riferimento a novembre?

In dettaglio, per il mese di novembre 2022, il prezzo di riferimento del gasper il cliente tipo è pari a 122,41 centesimi di euro per metro cubo, tasse incluse.

Ecco come sono divisi i costi:

  • spesa per la materia gas naturale: 102,14 centesimi di euro (pari al 83,44% del totale della bolletta) con un aumento del 16% circa rispetto al mese di ottobre;
  • vendita al dettaglio: 5,60 centesimi di euro (4,58% del totale della bolletta), uguale al valore del mese di ottobre 2022. (continua)

Fonte:Immobiliare.it

COME FUNZIONA LA RIDUZIONE IMU CON COMODATO D’USO GRATUITO?

IMU

In questo articolo andiamo a vedere come funziona la riduzione relativa all’IMU in caso di comodato d’uso gratuito. In particolare, riportiamo le regole per poterne beneficiare e i requisiti necessari.

Cos’è un contratto di comodato d’uso?

Per comprendere al meglio la questione, è bene partire dalla definizione di contratto di comodato d’uso. Ecco quanto riportato all’interno del Codice civile:

“Il contratto con il quale una parte consegna all’altra una cosa mobile e immobile affinché se ne serva per un tempo o un uso determinato, con l’obbligo di restituire la cosa ricevuta. Il comodato è essenzialmente gratuito”.

Comodato d’uso gratuito: come funziona e chi ne ha diritto

Per poter godere dell’agevolazione relativa alla riduzione IMU in caso di contratto di comodato d’uso gratuito è necessario soddisfare alcuni requisiti.

Nello specifico, i proprietari di un secondo immobile possono avere uno sconto al 50% sull’IMU, che fa riferimento alla norma contenuta nel comma 747, articoli 1, della legge n. 160/2019.

Per poter beneficiare di questa agevolazione, il contratto deve essere registrato regolarmente all’Agenzia delle Entrate e stipulato tra parenti in linea diretta entro il primo grado (genitori e figli).

Viene, inoltre, applicata anche in caso di decesso del comodatario, al suo coniuge, ma solamente in presenza di figli minori. (continua)

Fonte:Immobiliare.it

MANUTENZIONE DELLE PORTE BLINDATE, ECCO LE PROBLEMATICHE PIÙ COMUNI.

porta blindata

Quasi tutti ormai hanno nelle proprie case una porta blindata. Le migliori e le più sicure per prevenire e resistere ai tentativi di effrazione e di scasso.

I modelli disponibili sul mercato sono moltissimi, e con il passare degli anni sono diventati sempre più efficienti sia dal punto di vista tecnologico che elettronico.

Ci sono però diverse problematiche a cui le porte blindate possono andare incontro, vediamo quali sono le più comuni.

La porta non si chiude bene.

Quando la porta blindata non si chiude più come quando è stata installata, i motivi possono essere imputabili a diverse circostanze: una costruzione mal realizzata dove i diversi elementi strutturali non sono adatti alle dimensioni della porta, un’imperfezione che riguarda l’ancoraggio del telaio al muro non perfetto, un’installazione avvenuta per mano di personale non qualificato. (continua)

Fonte: Immobiliare.it