Category Archives: News

COME CAMBIERANNO LE ALIQUOTE DEL BONUS RISTRUTTURAZIONE CASA NEI PROSSIMI ANNI?

Ristrutturazione

Il provvedimento dovrebbe essere licenziato entro il prossimo 28 maggio e dunque convertito in Legge, ma ha sollevato molte critiche perché comporterà importanti conseguenze per tutto il settore delle costruzioni.

Infatti, tra le tante novità, è in arrivo una revisione per il Bonus Ristrutturazionedetrazioni al 50% solo fino al 2024, poi una graduale discesa fino al 30% dal 2028. Un cambiamento che pesa sulle spalle dei proprietari di immobili e investitori.

Come cambiano le aliquote e i tetti di spesa.

Il decreto, non solo stravolge solo il Superbonus, ma modifica in maniera sostanziale tutte le attuali aliquote previste per agevolare ristrutturazioni e riqualificazioni edilizie.

Secondo le nuove disposizioni, l’aliquota del bonus, attualmente al 50% fino alla fine del 2024, subirà una decurtazione al 36% dal 2025 e scenderà ulteriormente al 30% a partire dal 2028.

Questo bonus ha permesso fino ad ora una detrazione del 50% su spese fino a 96.000 euro per unità immobiliare, ma con il nuovo decreto, le condizioni torneranno a quelle originarie: un tetto di spesa di 48.000 euro con un’aliquota del 36% fino al 2027.

La nuova fase del bonus, valida dal 2028 al 2033, vedrà una detrazione ridotta al 30%. (continua)

Fonte: Immobiliare.it

 

PIANO SALVA CASA, IL CDM PREPARA IL DECRETO: ECCO COSA PREVEDE.

Piano Casa dal 2025, FIMAA e FIAIP al tavolo del MIT

In arrivo il Piano Salva Casa. Questo è quanto si apprende da diverse fonti stampa, che nelle ultime 48 ore hanno diramato notizie più dettagliate in merito ai possibili illeciti edilizi sanabili col Piano Salva Casa.

Il Ministro Salvini, precisa che non sarà un condono ma servirà solo a sanare piccole irregolarità. Tuttavia, ci sono i rilievi del Quirinale, che sconsiglia lo strumento del decreto-legge in quanto materia non urgente, invitando a fare un Disegno di legge su tale materia.

I tre livelli crescenti di irregolarità.

Il piano Salva Casa si articola su tre livelli crescenti di irregolarità, mirati a sanare differenti tipologie di difformità edilizie e considera anche le tolleranze costruttive. (continua)

Fonte: Immobiliare.it

SI PUÒ LAVARE L’AUTO NEL CORTILE CONDOMINIALE?

Lavare la propria auto nel cortile condominiale può facilmente scatenare animate controversie tra i residenti, specialmente se espressamente vietato dal regolamento condominiale e da normative ambientali.

Scopriamo insieme quando e dove è effettivamente permesso lavare con cura la propria vettura, e come agire correttamente a seconda delle circostanze per evitare di infrangere la legge.

Le normative sul lavaggio dell’auto su strada.

Quando si considera il lavaggio dell’auto in luoghi pubblici, è essenziale informarsi preventivamente riguardo le leggi e normative applicabili.

Lavare l’auto in strada non è di per sé un reato ,tuttavia può comportare la violazione del Decreto Legislativo n.152 del 2006, che regolamenta le questioni ambientali, e del Codice della strada. Quest’ultimo, in particolare con l’articolo 15, proibisce di sporcare la strada o le sue pertinenze, vietando il lancio di rifiuti o oggetti dai veicoli, sia in sosta che in movimento.

Lavare l’auto in strada può dunque esporre a sanzioni pecunarie (multe da 105 a 422 euro) se si utilizza acqua pubblica senza autorizzazione o se si crea un pericolo per la circolazione.

È consigliabile, quindi, preferire gli autolavaggi autorizzati. (continua)

Fonte: Immobiliare.it