Convegno FIMAA antiriciclaggio

Le nuove regole sulla tematica dell\'antiriciclaggio Continua »

Convegno Home Staging Cesena

L\'efficacia dell Home Staging nelle nuove tecniche di vendita del mercato immobiliare. Continua »

Roberto Marzola è il nuovo Presidente FIMAA Emilia Romagna

Nominato il nuovo Presidente FIMAA Regionale: il ferrarese Roberto MARZOLA, che rimarrà in carica fino al 2020. Continua »

Pietro Corica nuovo Presidente Fimaa Cesena

Eletto in assemblea Fimaa Confcommercio coprirà la carica di Presidente per il quinquennio 2015 - 2020 Continua »

FIMAA-CONFCOMMERCIO: SANTINO TAVERNA È IL NUOVO PRESIDENTE NAZIONALE

L’Assemblea Fimaa-Confcommercio, Federazione Italiana Mediatori Agenti d’Affari, ha eletto per acclamazione Santino Taverna alla Presidenza Nazionale della Federazione per il quinquennio 2015-2020. Taverna prende il posto di Valerio Angeletti che ha guidato la Fimaa dal 2009. Continua »

Campagna associativa Fimaa 2018

Fimaa, Federazione a fianco di ogni associato che agisce secondo i valori che la guidano da sempre professionalità, correttezza e legalità. Continua »

 

Immobili Bonus energetico si cambia: lo sconto adesso si calcola in metri quadrati.

Nel decreto allo studio detrazioni massime legate al kw e al metro quadrato.

Ventotto nuovi tetti di spesa, calcolati per «unità» di prodotto acquistata: tra i 35 e i 45 euro al metro quadrato per un infisso, 80 euro al metro quadrato per una schermatura solare oppure, per le caldaie a condensazione, tra i 200 e i 250 euro al kW.

Si rivede così il sistema delle spese massime ammissibili nell’ambito dell’ecobonus. Con un effetto evidente: per la quota che va oltre non sarà possibile la detrazione.

È la novità più rilevante contenuta nella bozza di decreto messa a punto dal ministero dello Sviluppo economico, assieme al Mef, al Mit e all’Ambiente.

Un provvedimento che è stato previsto dall’ultima legge di Bilancio (legge 205/2017) e che ha l’obiettivo di riscrivere interamente le regole di riferimento delle detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici, ritoccando le specifiche tecniche e i massimali di costo di tutti gli interventi. «Questi requisiti spiega la relazione illustrativa sono stati definiti con decreti del Mef risalenti al 2007 e al 2008». Serviva, insomma, un restyling per chiarire il perimetro delle agevolazioni.(continua)

Fonte:IlSole24Ore

Airbnb sotto accusa per i trucchi fiscali e i prezzi poco chiari.

A riportare l’attenzione su Airbnb, la piattaforma che gestisce gli affitti brevi, nei giorni scorsi è stata la Commissione europea.

Una tegola che si somma al flop della tassa sugli affitti, ai ricorsi pendenti e all’accusa di nascondere un esercito di professionisti dell’immobiliare che cercano di raggirare fisco e regole.

La Commissione ha parlato di prezzi poco trasparenti, pratiche commerciali sleali, condizioni di utilizzo non conformi al diritto europeo. La società dovrà presentare entro fine agosto le sue proposte di adeguamento che, se non dovessero essere ritenute sufficienti, potrebbero generare “un’azione coercitiva”.

Nomisma: In ripresa il mattone, ma le difficoltà di acquisto spingono verso la locazione.

L’aumento delle compravendite è segnale di nuova vivacità del mercato immobiliare che non ha esaurito in alcun modo il potenziale espansivo.

Oggi infatti sono oltre 2,6 milioni le famiglie che desiderano acquistare casa. Ma le difficoltà economiche delle fasce della popolazione più colpite dalla crisi, oltre alle mutate condizioni della società, spingono  verso la locazione, anche se l’offerta è ancora incapace di soddisfare la domanda.

La domanda potenziale di acquisto.

Secondo l’ultimo Osservatorio sul mercato immobiliare di Nomisma, “oltre 2,6 milioni di famiglie manifestano ambizioni proprietarie prevalentemente alimentate dal desiderio di miglioramento della condizione abitativa attuale o dall’esigenza di emancipazione dal nucleo d’origine”. 

Detrarre le spese dell’Agente Immobiliare.

L’art. 15, comma 1, lett. b – bis) del Testo unico delle imposte sui redditi prevede la possibilità di detrarre dall’imposta Irpef lorda un importo pari al 19% della provvigione pagata ai soggetti che esercitano l’attività di mediazione del ramo immobiliare ex L.39/1989, in dipendenza dell’acquisto dell’unità immobiliare da adibire ad abitazione principale.

L’importo massimo della spesa è pari ad euro 1.000 per ciascuna annualità, con una conseguente detrazione massima pari a 190 euro. Tale detrazione spetta al soggetto proprietario che sostiene la spesa ma a condizione che l’importo della stessa sia specificatamente indicato nell’atto notarile di acquisto immobiliare. ( continua)

Fonte:LaStampa

L’intonaco esterno al balcone va diviso in base ai millesimi.

Così come per le ringhiere e i parapetti in muratura, se incassati, l’intonaco esterno al balcone va diviso in base ai millesimi.

I balconi (quali i rivestimenti della fronte o della parte sottostante della soletta, i frontalini e i pilastrini), sono condominiali, se adempiono prevalentemente alla funzione ornamentale dell’intero edificio e non solamente al decoro delle porzioni immobiliari ad essi corrispondenti.

In particolare, i frontalini e i pilastrini di un balcone adempiono prevalentemente alla funzione ornamentale dell’intero edificio allorquando svolgono una funzione decorativa estesa a esso, del quale accrescono il pregio architettonico, oltre ad assolvere parti uguali dai proprietari dei due piani l’uno all’altro sovrastanti, restando a carico del proprietario del piano superiore la copertura del pavimento e a carico del proprietario del piano inferiore l’intonaco, la tinta e la decorazione del soffitto». (continua)

Fonte:IlSole24Ore

Immagini online: come tutelare la tua privacy e quella degli altri.

uomo stupito guarda foto nel telefono

 

Una fotografia o un video vanno considerati dati personali. E quindi il loro utilizzo soggetto alla normativa in materia di protezione dei dati personali. Si pensi alle nostre foto o a quelle di altri o ai selfie in cui ci troviamo con i nostri amici.

La fotografia e i video, la loro diffusione o pubblicazione on line vanno considerate attività di trattamento dei dati.

Paghi poco di luce? Perdi le agevolazioni prima casa.

tasse sulla prima casa

Per la Cassazione la bolletta della luce esigua è elemento presuntivo sufficiente per perdere l’agevolazione ICI per la prima casa.

 

I bassi consumi di energia elettrica risultanti dalle bollette riferibile a un triennio, costituiscono un elemento presuntivo sufficiente da cui desumere che, chi beneficia delle agevolazioni ICI in realtà non ne ha diritto visto che è chiaro che l’immobile non costituisce abitazione principale. Le risultanze anagrafiche infatti possono essere superate da una prova contraria. E’ quanto stabilito dalla Cassazione con la recente ordinanza n. 14793/2018.

La vicenda processuale.

I ricorrenti impugnano davanti alla Corte di Cassazione la sentenza della Commissione Tributaria della Regione Toscana, sezione di Livorno che, in relazione ad alcuni avvisi d’accertamento ICI per il 2008-2010, non riconosce l’agevolazione prevista per gli immobili destinati ad abitazione principale. I ricorrenti ritengono che i giudici d’appello hanno errato nel ritenere sufficiente il solo elemento presuntivo della scarsità dei consumi elettrici, per non riconoscere il diritto all’agevolazione prevista per l’abitazione principale, ai fini ICI, nonostante la residenza anagrafica degli stessi presso l’immobile.