Archivi Giornalieri: 19 febbraio 2018

Pignoramento trascritto per errore, il Fisco paga i danni.

Per la Cassazione va risarcito il danno alla reputazione e all’immagine provocato dall’erronea trascrizione al contribuente, imprenditore e sindaco.

L’Agenzia delle Entrate risarcisce il contribuente per i danni occorsigli a causa dell’erronea trascrizione di un pignoramento immobiliare a suo carico. Tanto emerge dalla dall’ordinanza della Corte di Cassazione, terza sezione civile, n. 3428/2018  che ha rigettato il ricorso dell’Agenzia delle Entrate.

La vicenda

Il caso origina dalla domanda di un contribuente che, nel chiedere alla banca presso cui era correntista la stipula di un contratto di apertura di credito, su segnalazione dell’istituto bancario aveva verificato l’esistenza di una trascrizione di pignoramento immobiliare a suo carico.