archivi Categorie: News

Problemi e soluzioni sulla conclusione dei contratti online.

Un aspetto fondamentale, nelle problematiche civilistiche poste dal commercio elettronico, è sicuramente la questione della conclusione del contratto online.

Contratti online: quale disciplina.

In tale quadro, l’istituto normativo, utilizzato dal legislatore fino al 1942, per la risoluzione di eventuali conflitti d’interessi nascenti tra le parti, mira principalmente ad analizzare, come le caratteristiche del mezzo tecnologico inevitabilmente finiscono per ripercuotersi sulle regole di formazione del contratto di diritto comune, secondo le disposizioni dell’art. 1336 c.c. offerta al pubblico o dell’invito ad offrire, e dell’art. 1326 c.c (con la presunzione dell’art. 1335) della proposta e accettazione. (continua)

Fonte:StudioCataldi

Antincendio, nuove regole per edifici sopra i 12 metri.

Il nuovo decreto introduce sostanziali novità nella gestione della sicurezza antincendio per gli edifici di abitazione civile, nuovi ed esistenti, di altezza superiore a 12 metri.

Tali edifici sono classificati in funzione dell’altezza, a partire da 12 metri fino a oltre 80 metri; devono prevedersi misure di gestione della sicurezza antincendio in funzione del livello di rischio, che è commisurato all’altezza dell’edificio: il responsabile dell’attività (nei condomini è l’amministratore) è tenuto a pianificare, verificandole periodicamente, le misure da attuare in caso d’incendio, a informare gli occupanti su procedure di emergenza e misure di sicurezza, a mantenere in efficienza i sistemi, dispositivi e attrezzature antincendio adottate, a effettuare verifiche di controllo e interventi di manutenzione….( continua )

Fonte:IlSole24Ore

Le case all’asta rimarranno nel possesso del debitore fino alla vendita.

casa pignorata cartello sulla porta

La nuova tutela del diritto di abitazione della famiglia dell’esecutato introdotta dalla legge semplificazioni 2019 secondo il riformato art. 560 del codice di procedura civile.

Pignoramenti: le novità della legge semplificazioni 2019.

La Camera dei Deputati nella seduta del 07/02/2019 ha approvato in via definitiva la legge semplificazioni 2019 con le modificazioni apportate in sede di conversione, ed in particolare la riforma dell’art. 560 c.p.c., articolo in cui si prevede che il debitore esecutato, insieme ai suoi familiari, potrà abitare l’immobile all’asta, sino alla pronuncia del decreto di trasferimento dell’immobile. (continua)

Fonte:StudioCataldi


Pignoramento: non si dovrà lasciare subito la casa.

Il decreto semplificazioni, convertito in legge, stabilisce che il debitore che abita nella casa pignorata non dovrà lasciarla subito, ma solo dopo il decreto di trasferimento dell’immobile.

La norma Bramini

In un primo momento, il D.L. semplificazioni aveva previsto un semplice ritocco dell’art. 560 c.p.c. allo scopo di introdurre un meccanismo volto a tutelare gli esecutati che, al contempo, risultavano creditori della pubblica amministrazione. L’obiettivo era quello di porre le abitazioni di questi ultimi al riparo da aggressioni ingiustificate, soprattutto quando alle loro posizioni debitorie si sarebbe potuto porre rimedio “sbloccando” i soldi dovuti dallo Stato ai cittadini interessati. (continua)

Fonte: StudioCataldi

Cesena: Accordo territoriale fra proprietari e inquilini.

Le nuove linee guida per l’applicazione dei canoni di affitto agevolati con agevolazioni per i proprietari che li adottano.

Le agevolazioni fiscali previste nella norma interessano i proprietari che sottoscrivono contratti di locazione a canone concordato, cioè con un canone d’affitto ridotto rispetto a quello di mercato, canone che verrà determinato sulla base dei parametri indicati nell’accordo siglato fra le associazioni dei proprietari e degli inquilini e che, per i contratti stipulati a decorrere dalla data di sottoscrizione dell’Accordo Territoriale, dovrà essere asseverato a cura e con assunzione di responsabilità da parte di almeno una organizzazione firmataria dell’accordo….. (continua)

L’accordo è disponibile al seguente link: http://www.comune.cesena.fc.it/tributi/imu-accordoproprietariinquilini

Negozi, cedolare secca ma non per tutti.

L’Esperto risponde: “Sono proprietario di un negozio che era affittato nel 2018 con contratto scaduto il 31 dicembre scorso, data in cui l’inquilino ha lasciato l’immobile. Sto cercando di affittare di nuovo il negozio. E’ vero che posso usufruire della cedolare secca sull’affitto e a quali condizioni? “

(continua)

Fonte:Corriere della Sera

La patrimoniale.

La patrimoniale è un’imposta che, come si può intuire dal suo nome, colpisce il patrimonio del contribuente, sia esso di natura mobiliare che immobiliare. Essa quindi va a colpire semplicemente il possesso o la proprietà di un certo bene.

Occorre precisare che, trattandosi di un imposta e non di una tassa, essa non ha come contropartita la prestazione di un servizio. L’importo ricavato dalla sua applicazione, infatti, viene impiegato dallo stato o dall’ente locale che la riscuote, per fornire dei servizi nel tempo. (continua)

Fonte:StudioCataldi